Cerca e consulta articoli.

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages
Filter by Categories
Agevolazioni

Consulenza gratuita

Nessuna costo da anticipare

Finanziamenti agevolati e ordinari per le aziende

Difesa tributaria - bancaria - patrimoniale

Operativi in tutta Italia

 

Fondo di garanzia PMI: al via garanzie per finanziamenti sopra i 25mila euro.

Per sostenere la liquidità delle imprese, il Governo punta sul Fondo di garanzia PMI, che eroga prestiti alle imprese e ai professionisti. Dal 27 aprile le banche possono inviare le richieste di garanzia sui finanziamenti superiori a 25mila euro.

Fondo di garanzia PMI: requisiti, percentuali, importi
Sono numerose le modifiche al Fondo introdotte dal decreto liquidità rispetto a quanto previsto nel dl Cura Italia.

Innanzitutto, l’operatività del fondo è estesa alle imprese che hanno massimo 499 dipendenti.

Innalzate le percentuali delle garanzie pubbliche, che saranno del:

100% per prestiti fino a 25mila euro, senza alcuna valutazione del merito di credito;
100% (di cui 90% dallo Stato e 10% dai Confidi) per i prestiti fino a 800mila euro, senza valutazione andamentale;
90% nei casi restanti con tetto a 5 milioni di importo garantito e senza valutazione andamentale.
In quest’ultimo caso possono accedere al finanziamento le imprese fino a 499 dipendenti, che abbiano ricavi fino a 3,2 milioni.

Importi massimi

In tutti i casi l’importo del prestito garantito non può superare il 25% dell’ammontare dei ricavi del beneficiario, risultante dall’ultimo bilancio depositato o dall’ultima dichiarazione fiscale presentata.

Per i soggetti beneficiari costituiti dopo il 1° gennaio 2019 va dimostrato tramite idonea documentazione, come ad esempio un’autocertificazione.

Tempi di restituzione e tassi d’interessi

La restituzione del prestito garantito è in sei anni e l’inizio del rimborso del capitale scatta non prima di 2 anni dall’erogazione.

In una circolare inviata alle banche il 24 aprile e relativa ai finanziamenti fino a 25mila euro garantiti al 100%, l’ABI indica che il finanziamento prevede espressamente che l’inizio del rimborso non avvenga prima di 24 mesi dall’erogazione e che non può essere utilizzato per compensare alcun prestito preesistente, anche nella forma dello scoperto di conto corrente: la compensazione determinerebbe un avvio del rimborso prima dei 24 mesi, facendo decadere la garanzia.

Tale divieto di compensazione si applica anche per chi utilizza la sospensione prevista dall’art. 56 del decreto legge n.18 del 17 marzo 2020: anche in questo caso, è vietato l’utilizzo del nuovo finanziamento per ridurre un’esposizione preesistente sul conto corrente perché determinerebbe un avvio del rimborso prima del termine dei 24 mesi.

Per i prestiti fino a 25mila euro è previsto un tasso di interesse, anche se basso, in rapporto al Rendistato con una maggiorazione dello 0,2% (si può stimare un valore tra 1,2 e 2%).

Per le aziende fino a 3,2 milioni di ricavi il testo non prevede invece un tasso minimo né una durata massima del rimborso prefissata.

Istruttorie semplificate

Il rilascio della garanzia è automatico e gratuito. La banca potrà pertanto erogare il finanziamento con la sola verifica formale del possesso dei requisiti, senza attendere l’esito dell’istruttoria del gestore del Fondo medesimo.

Garanzie anche agli inadempienti, con un’eccezione

La garanzia è concessa anche in favore di beneficiari che, alla data della richiesta di garanzia, presentino esposizioni nei confronti del soggetto finanziatore classificate come “inadempienze probabili” o “scadute o sconfinanti deteriorate”, purché tale classificazione non sia precedente al 31 gennaio 2020.

La garanzia è concessa anche alle imprese che, in data successiva al 31 dicembre 2019, sono state ammesse alla procedura del concordato con continuità aziendale, hanno stipulato accordi di ristrutturazione o hanno presentato un piano attestato, purché, alla data di entrata in vigore del decreto legge, le loro esposizioni non siano più in una situazione che ne determinerebbe la classificazione come esposizioni deteriorate, non presentino importi in arretrato successivi all’applicazione delle misure di concessione e la banca, sulla base dell’analisi della situazione finanziaria del debitore, possa ragionevolmente presumere che vi sarà il rimborso integrale dell’esposizione alla scadenza.

Restano, in ogni caso, escluse le imprese che presentano esposizioni classificate come “sofferenze” ai sensi della disciplina bancaria.

Anche le startup possono accedere alle garanzie previste dal Fondo: per le imprese con non più di tre anni sono operative le misure del DL “Liquidità” per tutte le domande presentate dall’8 aprile 2020 (data di entrata in vigore del decreto).

Vengono meno i vincoli precedentemente previsti per la finalità dell’operazione: sono dunque ammissibili operazioni sia per liquidità sia per investimento. Eliminato anche l’obbligo di versare mezzi propri pari ad almeno il 25% dell’investimento. Non sarà più necessario, infine, inviare al Fondo di garanzia il business plan (allegati 7 e 7 bis) e il bilancio previsionale.

L’articolo Fondo di garanzia PMI: al via garanzie per finanziamenti sopra i 25mila euro. proviene da Adessonews Finanziamenti Agevolazioni Norme e Tributi.

Cerca e consulta articoli.

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages
Filter by Categories
Agevolazioni

Consulenza gratuita

Nessuna costo da anticipare

Finanziamenti agevolati e ordinari per le aziende

Difesa tributaria - bancaria - patrimoniale

Operativi in tutta Italia

 

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: